Passa ai contenuti principali

Tutti alla forca?



Quello che vedete vi sembra strano e poco credibile? Pensate che un gruppo di terroristi, per quanto preparati e ben armati, non abbia le capacità e le forze per fare quel che fa, senza che ci sia qualche appoggio esterno? Siete dei complottisti, ecco cosa siete!

Non siete persone che si fanno delle domande e che cercano di ragionare con la loro testa, ma dei pazzi con manie di persecuzione, dei sobillatori, agenti destabilizzatori, menti malate e perverse. Siete dei complottisti, non gente che legge tra le righe e che vede una cosa soltanto: un sistema, in cui tutti noi, purtroppo, siamo immersi completamente, come in un liquido.

Guardate i TG, se pensate che io sia pazzo. Guardateli dall’esterno, senza farvi coinvolgere e noterete parecchie stranezze e anomalie. Vedrete un racconto, una narrazione con un preciso filo conduttore, che mescola realtà e fiction, che confonde le notizie con le opinoni, che collega tra loro i fatti, come se ci fosse un filo conduttore, come se fosse uno spettacolo, piuttosto che un notiziario.

Spettacoli che poi continuano subito dopo la pubblicità con le fiction, che raccontano le stesse cose, gli stessi delitti, gli stessi accadimenti, confondendo ancora di più la realtà e la finzione, in un’altalena senza fine e senza pausa.

Non sono telegiornali, datemi retta, ma brandelli di una pericolosa musica ipnotica, come quella usata per incantare i serpenti. Una musica che ci spinge ad essere più stronzi di quanto non siamo, più prevenuti, più cattivi tra di noi e più propensi ad essere sottomessi, perché isolati, ricattati economicamente e appesi al filo delle nostre posizioni sociali.

Una musica che ci spinge a rifugiarci nelle nostre poche certezze ma, al tempo stesso, a non averne affatto, di certezze. E quindi a vivere alla giornata, a comprare, a toglierci qualsiasi sfizio perché magari non sarà giusto, ma la vita è breve e non è colpa nostra se in giro per il mondo si muore di fame, di guerra e di ipocrisia.

Ovviamente non sto cercando di dirvi che i fatti che vedete in TV non accadono veramente. Sono veri, non ho alcun dubbio, ma vengono strumentalizzati in ogni singola fase del loro svolgimento, prima e dopo che avvengono. Non si tratta di attori e di messe in scena, come a volte sarei tentato di pensare, ma azioni reali, che però servono a qualcosa di molto diverso da quello che immaginiamo, noi e chi li progetta e realizza.

Sono vere e proprie strumentalizzazioni.

Prima di gridare "al patibolo" e di guardare gli altri con sospetto, dunque, cercate di capire se quello che ci raccontano i TG coincide con quello che vediamo con i nostri occhi ogni giorno, o se fa parte di un grande progetto di manipolazione della realtà e dei mass media, tesa a portarci dove vogliono che andiamo.

Occhio ragazzi, non odiate nessuno e non gridate “alla forca!”, ma prendetevi tutto il tempo che serve per ragionare e per vedere le cose con i vostri occhi, piuttosto che con quelli dei media, strumentalizzati e marci.

#pensieristronzi

FOTO: pixabay.com
Posta un commento

Post popolari in questo blog

La differenza tra il bene e il male

Il male è facile da riconoscere, nella maggior parte dei casi. E se anche non lo riconosci, prima o poi si manifesta per quello che è, soltanto raramente quando è troppo tardi per affrontarlo in qualche modo.

Più difficile è il bene, nelle sue molteplici sfumature, nella sua incapacità di essere davvero universale e infinito. No, il bene è quasi sempre una creatura mortale, delicata e imperfetta come tutti noi e per questo incapace di essere il bene di tutti, senza che ci sia l'impegno e la volontà di ciascuno per tenerlo vivo e acceso.

Assomiglia alle lucine degli alberi di Natale, il bene. Funziona se tutte le lampadine restano legate tra loro e brillano all'unisono o ad intermittenza. Ma se una si rompe, è più che probabile che tutta la catena smetta di funzionare o che anche le altre inizino ad avere problemi, una dopo l'altra.

Ecco la differenza tra il male e il bene: il primo vive di pura individualità, è universale e spavaldo, ma da solo prima o poi è destinato ad es…

Essere o Avere? Ostentare. Apparire e ostentare...

L'era dei social media dimostra sostanzialmente una cosa: l'aberrante tensione all'avere dei nostri padri e dei nostri nonni, ha lasciato in eredità un altrettanto smodato bisogno di essere, degenerato nell'apparire e nell'ostentare.

Eccolo dunque, il mostro del nostro tempo: l'ibrido avere/essere, che ha generato prima "avere per essere" e poi "ostentare per essere".

Avere è oggi sottinteso, lo diamo in un certo senso per scontato. E' ancora un prerequisito fondamentale per l'idea moderna di essere, ma non è più centrale, perché il focus è ora sull'apparire, che di certo l'avere semplifica.

Apparire, ostentare, mostrarsi. Drammatico retaggio dell'era della TV, se non appari, giorno dopo giorno e ogni giorno con un nuovo numero da esibire, semplicemente non sei. Non esisti. Eccolo, il lato oscuro dei media sociali (uno tra i tanti, in verità).

#pensierisparsi

Bello, ricco, intelligente e...

Approfitto di una conversazione fatta su Facebook per raccogliere in un post alcune mie considerazioni sull’amore e sulle relazioni. La conversazione prendeva spunto da una fantomatica ricerca della University of Buffalo, secondo cui “i maschi provano disagio e paura quando devono rapportarsi con donne intelligenti. E, alla fine, scelgono partner meno brillanti”. Personalmente ritengo che ci sia un problema di fondo, rispetto a questo studio. L'amore si fa in due quindi, se le cose non funzionano, le responsabilità vanno sempre suddivise al 50%. Quante donne belle e particolarmente intelligenti conoscete, che scelgano i loro partner seguendo i consigli dell'intelletto, piuttosto che il cuore (tanto per usare un eufemismo)? Il problema è: più abbiamo e più facciamo fatica a capire di cosa abbiamo davvero bisogno, perché, se abbiamo tanto da offrire, è quasi certo che cercheremo piuttosto quello che vogliamo. Sarebbe poi da capire cosa si intenda per intelligenza e come la si …