Passa ai contenuti principali

Credete e vi sarà dato


Noi tutti crediamo in qualcosa, è un dato di fatto. Ma credere è, senza ombra di dubbio, la più importante dinamica di controllo delle masse che il genere umano abbia mai messo a punto. Il vecchio e sempre valido “divide et impera”, si basa proprio su questo.
Per dividere le persone, infatti, occorre che esse credano in qualcosa. Poco importa se si tratti di una religione, di un’ideologia, di un partito politico o addirittura di una squadra di calcio, o di un campione dello sport, dell’arte o della cultura.
L’importante è che noi crediamo. Io credo nell’amore, ad esempio, credo in Dio (una versione molto personale, a dire la verità), ma anche nella tecnologia, nel complesso mondo del digitale, in un progresso sostenibile, nelle energie rinnovabili, nella giustizia sociale e in molte altre cose, tra cui l’A.S. Roma.
Non è un male, credere in qualcosa, sia chiaro. Il problema è capire che questo non è necessariamente un bene, se non si è disposti a credere in modo critico, piuttosto che per fede cieca e per dogmi. Chi crede così non sarà mai libero, ma sarà sempre un cane alla catena di chi avrà il potere di influenzare il suo credo e di strumentalizzarlo. Perché è questo che avviene. Succede con le religioni, con la politica, con lo sport, con la cultura. Qualsiasi cosa in cui noi crediamo è un guinzaglio che ci mettiamo al collo, in cambio di qualche avanzo da mangiare e di un tetto per ripararci quando piove, finché accettiamo la legge del padrone.
Una dinamica, quella del credere, in cui noi tutti siamo vittime e carnefici, a seconda della parte della barricata in cui di volta in volta ci troviamo. Sul lavoro, ad esempio, siamo carnefici quando imponiamo il nostro credo ai clienti, convincendoli di quanto siano buone le nostre tesi e di quanto siano validi i nostri prodotti e servizi.
Ecco perché chi compra deve sempre avere molte informazioni su chi vende e su cosa gli propone. Credere non deve mai essere un atto di fede, ma di fiducia e di capacità di valutazione e di discernimento. Credo perché ho tutte le informazioni necessarie per farlo, non perché sono in soggezione o perché è comodo, farsi poche domande e provare.
Quando una persona, un’idea, un servizio, un prodotto o qualsiasi altra cosa bussano alla vostra porta, dunque, lasciate da parte la fede e prendetevi tutto il tempo per informarvi, per comprendere e per valutare. Ne va della vostra libertà e della vostra dignità, non soltanto dei vostri soldi e del vostro lavoro.
Credete e vi sarà dato; ragionate e avrete gli strumenti per ottenere quello che vi occorre e per scegliere nel modo giusto, senza affidarvi alla “lotteria della fede” e senza essere schiavi di nessuno.
P.S. Ovviamente ciò vale anche per i miei #pensierisparsi, primo tra tutti questo.
Foto: pixabay.com
Posta un commento

Post popolari in questo blog

La differenza tra il bene e il male

Il male è facile da riconoscere, nella maggior parte dei casi. E se anche non lo riconosci, prima o poi si manifesta per quello che è, soltanto raramente quando è troppo tardi per affrontarlo in qualche modo.

Più difficile è il bene, nelle sue molteplici sfumature, nella sua incapacità di essere davvero universale e infinito. No, il bene è quasi sempre una creatura mortale, delicata e imperfetta come tutti noi e per questo incapace di essere il bene di tutti, senza che ci sia l'impegno e la volontà di ciascuno per tenerlo vivo e acceso.

Assomiglia alle lucine degli alberi di Natale, il bene. Funziona se tutte le lampadine restano legate tra loro e brillano all'unisono o ad intermittenza. Ma se una si rompe, è più che probabile che tutta la catena smetta di funzionare o che anche le altre inizino ad avere problemi, una dopo l'altra.

Ecco la differenza tra il male e il bene: il primo vive di pura individualità, è universale e spavaldo, ma da solo prima o poi è destinato ad es…

Essere o Avere? Ostentare. Apparire e ostentare...

L'era dei social media dimostra sostanzialmente una cosa: l'aberrante tensione all'avere dei nostri padri e dei nostri nonni, ha lasciato in eredità un altrettanto smodato bisogno di essere, degenerato nell'apparire e nell'ostentare.

Eccolo dunque, il mostro del nostro tempo: l'ibrido avere/essere, che ha generato prima "avere per essere" e poi "ostentare per essere".

Avere è oggi sottinteso, lo diamo in un certo senso per scontato. E' ancora un prerequisito fondamentale per l'idea moderna di essere, ma non è più centrale, perché il focus è ora sull'apparire, che di certo l'avere semplifica.

Apparire, ostentare, mostrarsi. Drammatico retaggio dell'era della TV, se non appari, giorno dopo giorno e ogni giorno con un nuovo numero da esibire, semplicemente non sei. Non esisti. Eccolo, il lato oscuro dei media sociali (uno tra i tanti, in verità).

#pensierisparsi

Bello, ricco, intelligente e...

Approfitto di una conversazione fatta su Facebook per raccogliere in un post alcune mie considerazioni sull’amore e sulle relazioni. La conversazione prendeva spunto da una fantomatica ricerca della University of Buffalo, secondo cui “i maschi provano disagio e paura quando devono rapportarsi con donne intelligenti. E, alla fine, scelgono partner meno brillanti”. Personalmente ritengo che ci sia un problema di fondo, rispetto a questo studio. L'amore si fa in due quindi, se le cose non funzionano, le responsabilità vanno sempre suddivise al 50%. Quante donne belle e particolarmente intelligenti conoscete, che scelgano i loro partner seguendo i consigli dell'intelletto, piuttosto che il cuore (tanto per usare un eufemismo)? Il problema è: più abbiamo e più facciamo fatica a capire di cosa abbiamo davvero bisogno, perché, se abbiamo tanto da offrire, è quasi certo che cercheremo piuttosto quello che vogliamo. Sarebbe poi da capire cosa si intenda per intelligenza e come la si …