Passa ai contenuti principali

Bello, ricco, intelligente e...


Approfitto di una conversazione fatta su Facebook per raccogliere in un post alcune mie considerazioni sull’amore e sulle relazioni. La conversazione prendeva spunto da una fantomatica ricerca della University of Buffalo, secondo cui “i maschi provano disagio e paura quando devono rapportarsi con donne intelligenti. E, alla fine, scelgono partner meno brillanti”.
Personalmente ritengo che ci sia un problema di fondo, rispetto a questo studio. L'amore si fa in due quindi, se le cose non funzionano, le responsabilità vanno sempre suddivise al 50%. Quante donne belle e particolarmente intelligenti conoscete, che scelgano i loro partner seguendo i consigli dell'intelletto, piuttosto che il cuore (tanto per usare un eufemismo)? Il problema è: più abbiamo e più facciamo fatica a capire di cosa abbiamo davvero bisogno, perché, se abbiamo tanto da offrire, è quasi certo che cercheremo piuttosto quello che vogliamo.
Sarebbe poi da capire cosa si intenda per intelligenza e come la si misuri. Il fatto è che troppo spesso si confonde l'intelligenza con l’essere persone brillanti, o con la cultura, se non addirittura con i titoli da sfoggiare in società. Un Nobel è un essere superiore? No, è uno cui un gruppo di persone ha ritenuto di conferire un premio, per mille motivi e ragioni. Certo che sposare un Nobel fa parecchio figo, ma la sua intelligenza ci farà star bene per tutta la vita?
Anche ad un uomo, ne sono certo, fa piacere avere una donna intelligente, al suo fianco. E bella. E dolce, gentile, affettuosa, premurosa... quante altre cose ancora? Il punto è, per fortuna o purtroppo, che se mettiamo insieme le 100 qualità che davvero contano e le portiamo tutte al 100%, non è per niente scontato che con quella superdonna o con quel superuomo staremo bene davvero.
L'amore è un'alchimia, una formula chimica in cui a ciascuna persona serve un determinato equilibrio di ingredienti. Purtroppo è difficilissimo capire quale sia il nostro e così semplifichiamo, pensando che più ce n'è meglio è, ma a questo modo non siamo mai davvero felici e tendiamo a crearci dei mostri assurdi: se Giovanna avesse gli occhi di Lucia, e l'intelligenza di Giorgia, e la dolcezza di Ludovica. E se magari avesse le gambe di Maria e la simpatia di Francesca...
No, non funziona così e quando, per pura fortuna, incontriamo davvero la persona giusta, scopriamo che non ha nessuna delle doti e delle caratteristiche di quel Frankenstein che avevamo costruito a tavolino, ma ci fa stare bene davvero, così com'è. Perché è ciò che è, unica, irripetibile, diversa da tutte le altre e, quasi sempre, anche dai nostri ideali.
Quanto allo studio della University of Buffalo, pertanto, consiglierei alle donne, a quelle belle e intelligenti che credono di spaventare gli uomini (ma in fondo vale anche per gli uomini, se rovesciamo la cosa), di non lasciarsi abbindolare da queste scuse un pochino patetiche, ma di provare ad uscire dai propri cliché, cercando di capire sé stesse in profondità. Capire i propri bisogni è il punto di partenza, secondo me. Abbiamo davvero bisogno di un superuomo o di una superdonna, per essere felici e stare bene? Io credo proprio di no, perché se così fosse non sarebbe felice nessuno (gli unicorni non sono mai esistiti). Cercate di capire la vostra formula della felicità, prima di dare la colpa agli altri e di rassegnarvi all’idea che il partner perfetto non esiste. FOTO: pixabay.com
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pochi metri, pochi attimi, poca maledetta paura

A mente fredda e nel giorno in cui a Marsiglia un'altra automobile provoca morte e dolore tra la gente, provo a tornare con un filo di lucidità sui fatti del 17 agosto a Barcellona. Quando quel furgone si è lanciato sulla gente che passeggiava sulla Rambla, intorno alle 17 di un pomeriggio d'estate come tanti, io mi ero da poco spostato a circa un chilometro più in là, davanti a Casa Batlló, uno dei capolavori di Antoni Gaudí. Abbastanza lontano per non sentire le urla e per non vedere il sangue, ma tuttavia non al sicuro, come nei minuti e nei giorni successivi ho lentamente capito.

Seduto su una panchina con mia moglie e un'amica, siamo stati catturati dalle sirene spiegate dei Mossos D'Esquadra, la polizia catalana, da quelle delle ambulanze e dal rumore degli elicotteri che hanno iniziato a sorvolare la zona, indicandoci chiaramente che qualcosa stava andando storto, nelle vicinanze.


Abbiamo allora aperto Twitter e siamo riusciti a capire che ci doveva essere stat…

Quanto guadagni facendo quel che fai?

Guadagni da quello che fai o da quello che sei? La crisi, credo, è tutta e soltanto qui; stiamo passando da un mondo che pagava le nostre competenze e il nostro tempo, ad uno che sempre più pagherà quello che noi siamo: un tassello unico e non riproducibile di un puzzle che si evolve pezzo dopo pezzo.

Non nascondetevi dietro ai vostri titoli e alle vostre competenze, perché in futuro non ci sarà più spazio per chi è solamente quello che sa fare. Per questo ci saranno sempre più le macchine, mentre ciascuno di noi dovrà capire a fondo chi è, per poi spiegarlo a tutti gli altri e trovare il suo posto in quel gigantesco puzzle dinamico, che sarà la società del futuro.

#pensierisparsi

FOTO: pixabay.com

L’improcrastinabile esigenza di stabilire un contatto con l’umanità

Dovremmo solo entrare in contatto, stabilire una vera connessione, comprenderci intimamente, oltre la nostra quotidianità, oltre i nostri stupidi affari personali, oltre la cortina di ferro della privacy, che ci spinge a nasconderci dentro le mura di casa. Basterebbe questo, ne sono convinto e lo spero, per diventare una grande famiglia globale, in cui le nostre miserie non fossero più importanti di quelle degli altri, in cui la solidarietà fosse l'unico contratto, la sola obbligazione, l'investimento irrinunciabile cui ciascuno vorrebbe ambire. Ciò che conviene a tutti conviene anche a te, dovremmo crederci fino in fondo, anche se in mezzo c'è del tempo da aspettare, del sudore da sudare, tanta fatica da sopportare e il mostro affamato dell'ego da anestetizzare. Un mostro da sopire, o meglio da esaltare in un coro polifonico di anime non più disperse, non più prigioniere di sé stesse e della propria natura, schizofrenica e instabile, progettata per cercare, non per…