Passa ai contenuti principali

Sul grande inganno del Messia

Mi spiace urtare la sensibilità di chi crede, e davvero non è quello che vorrei, ma sento il bisogno di esprimere qualcosa che sento forte in me.

Se c'è una cosa che vorrei davvero fare, a questo mondo, è favorire un cambiamento, testimoniare la mia sincera aspirazione verso un nuovo corso, un modello di sviluppo equo, sostenibile, durevole.

Non credo nelle teorie del complotto, ma non posso negare di essere convinto che in tutta la storia che conosciamo, chi ha detenuto il potere lo ha fatto sfruttando dinamiche simili e via via sempre più collaudate. Divide et impera, ad esempio.

Oppure la grande menzogna del Messia. Il Salvatore, l'uomo della provvidenza. Per noi cristiani quel Messia era Gesù, il Cristo, l'unto del Signore. Colui che con la morte salvò l'umanità dal peccato originale, rendendo possibile una nuova alleanza con Dio.

Un uomo solo, il Dio incarnato, al tempo stesso Padre, Figlio e Spirito Santo, che si immola secondo le scritture e riscatta l'uomo, lavando via il peccato mortale compiuto da Adamo e riconciliandolo con Dio.

Lo ammetto, la favola di Adamo ed Eva non mi ha mai convinto, così come le sue varie interpretazioni. Non credo nel peccato originale e non credo nella missione messianica di Gesù.

Credo fortemente nel suo messaggio, invece. Credo nella sua visione e nel senso più genuino della storia che ci è stata raccontata su di lui. Un messaggio che sconfessa in molti modi, l'immagine del Messia che ci è stata tramandata.

Gesù credeva nella rete, nella forza delle persone di cambiare se stesse e il mondo, con la grande energia dell'Amore e della solidarietà. "Seguitemi, vi farò pescatori di uomini", disse ai suoi.

Non ho idea di quanto la sua storia sia stata strumentalizzata e per molti versi addirittura mistificata, da chi nei secoli l'ha tramandata.

Ma di una cosa sono certo: Gesù era un grande trascinatore, aveva un grande carisma, ma lo ha usato per creare un movimento, non per esserne il leader o il condottiero. Non per essere il Messia.

Perché il Messia, secondo me, è una leggenda creata ad arte per dominare i popoli e per focalizzare la loro attenzione sul leader, sul capo, sull'uomo in grado di guidarli e di dominarli. Cosa che in molti hanno fatto e continuano a fare.

Oggi, a distanza di oltre duemila anni dalle vicende umane di Gesù, aspettare il Messia è ancora l'atteggiamento più diffuso tra milioni di persone.

E nel tempo ne individuiamo ancora a migliaia e in tutti i settori. Ne subiamo il fascino, ne sentiamo la necessità. Da Kennedy a Obama, da Mussolini a Berlusconi, da Pelè a Maradona, waiting for Godot è nel nostro DNA. Ma lo è per natura o per cultura?

Io credo sia soprattutto un fatto culturale. Un retaggio. Cerchiamo il Messia e di volta in volta lo incoroniamo, aspettandoci da lui veri e propri miracoli. Che ogni volta non arriveranno, perché forse gli stessi prodigi attribuiti a Gesù nelle scritture non sono da prendere proprio alla lettera, bensì da interpretare.

Ma non è questo il punto. Io non ci credo ai miracoli, ma voi credete pure in quello che volete. Ma vi prego: smettetela di aspettare il Messia, perché il mondo lo si cambia soltanto tutti assieme, se è questo che volete davvero.

Cosa di cui inizio seriamente a dubitare...
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Su Roma e sulle (non) Olimpiadi del 2024

Non voto M5S, non amo la politica, non sono schierato con nessuno, talvolta nemmeno con me stesso. Credo però che la questione Olimpiadi sia davvero molto semplice e che un politico come la Raggi, che non mi piace nemmeno un po' e che non avrei votato, non avesse altre scelte se non quella di dire NO.
Molti stanno rovesciando la frittata, ma il discorso è: investire, se e quando e il caso di farlo, significa spendere soldi per creare opere utili ad una città e ad un paese e, lo abbiamo visto troppe volte, la maggior parte di ciò che viene costruito per Olimpiadi, Mondiali ed eventi una tantum resta poi inutilizzato, ammesso che lo sia stato almeno durante l'evento stesso, rappresentando non solo un grande spreco si denaro ma anche un ulteriore ecomostro da sopportare.
Si può fare di meglio? Si può mettere in piedi un evento che vada in una direzione differente? Onestamente non credo, se non cambiamo prima il modello e le premesse, perché queste kermesse viaggiano sui loro binari…

Quanto guadagni facendo quel che fai?

Guadagni da quello che fai o da quello che sei? La crisi, credo, è tutta e soltanto qui; stiamo passando da un mondo che pagava le nostre competenze e il nostro tempo, ad uno che sempre più pagherà quello che noi siamo: un tassello unico e non riproducibile di un puzzle che si evolve pezzo dopo pezzo.

Non nascondetevi dietro ai vostri titoli e alle vostre competenze, perché in futuro non ci sarà più spazio per chi è solamente quello che sa fare. Per questo ci saranno sempre più le macchine, mentre ciascuno di noi dovrà capire a fondo chi è, per poi spiegarlo a tutti gli altri e trovare il suo posto in quel gigantesco puzzle dinamico, che sarà la società del futuro.

#pensierisparsi

FOTO: pixabay.com

Quello che so delle donne

Quello che so è che senza le donne nulla avrebbe senso.

Non ne avrebbe un giorno senza sentire la loro voce, senza perdersi nel loro sorriso, senza impegnarsi a scoprire cosa c'è dietro i loro silenzi, dietro i loro piccoli tic, dentro la loro anima piena di luce, di nuvole gonfie di pioggia, di mare ricco di pesci e di vita.

Senza il loro profumo, la loro forza e senza il mistero che avvolge ogni loro pensiero. Sono adesivi e magnetici, i pensieri delle donne... I nostri fluttuano solitari, tra le quattro pareti dell'acquario della coscienza.

I pensieri delle donne, invece, popolano in grandi branchi il mare infinito della loro mente e della loro anima, impossibili da approcciare singolarmente, perché hanno vita soltanto nella loro complessità e vivono in simbiosi, scambiandosi energia e regalando al mondo la vita, giorno dopo giorno.

Sono anime di luce, le donne. Senza di loro tutto sarebbe buio, freddo e immobile. Senza di loro nulla avrebbe senso e non ci sarebbe vita. ‪

#‎…