Passa ai contenuti principali

Sugli effetti della corruzione

I Il problema di un sistema che non funziona, come quello rappresentato dal capitalismo estremizzato che domina oggi il mondo, è che per tenerlo in piedi occorre un volano talmente poderoso da costituire esso stesso un pericolo e un limite invalicabile.

All'inizio tutto era semplice. C'era lo stato e c'erano le istituzioni locali ad assicurare i servizi di base. La scuola, la sanità, i servizi essenziali erano pubblici e si pagavano con le tasse. Per il resto c'era il privato, le aziende, che si interfacciavano con le istituzioni e con i cittadini e facevano business secondo le regole del mercato, della concorrenza e delle leggi.

Poi, negli anni, l'equilibrio tra pubblico e privato, tra gli interessi di tutti e quelli di pochi, si è perso in un oceano torbido e pieno di insidie, in cui la corruzione ha preso il sopravvento e il capitalismo "ingenuo e sano" del secolo scorso si è trasformato in una belva che tutto divora.

Complice la politica, sempre più svenduta, pochi capitalisti senza scrupoli hanno preso il sopravvento su miliardi di cittadini inermi, che da persone si sono trasformati in contribuenti e consumatori, da spremere senza alcun riguardo.

Le tasse, che un tempo servivano almeno a garantire l'illusione che i costi dei servizi potessero essere coperti, oggi bastano appena per coprire i costi della corruzione, mentre servizi e infrastrutture vanno in malora giorno dopo giorno.

Perché non c'è modo di coprire i costi di quel volano aberrante. Immaginate un aereo con quattro turbine. Per volare esse debbono garantire una determinata potenza, ma le leggi di un mercato fuori controllo pretendono che ogni anno eroghino un 10% in più, fino a che esse finiscano per staccarsi dalle ali e schizzare via da sole, come razzi.

È questo che è successo al sistema. Per farlo funzionare è stato drogato, pompato di persone, soldi, cemento, merci e speculazioni di ogni genere, che lo hanno portato ad essere del tutto fuori controllo.

Globalizzazione, finanza speculativa e il mare di problemi che esse hanno generato, bloccano oggi il sistema, determinando quel mostro invincibile che chiamiamo crisi.

Quell'inutile ammasso di cose, oltre a produrre utili solo per pochissimi, hanno regalato all'umanità inquinamento, disastri ecologici, problemi sanitari, e molto altro. Costi per la collettività che sono guadagni ingentissimi per pochi.

Non c'è nulla di lontanamente sostenibile,  nel modo in cui viviamo. Siamo tutti molto al di sopra della soglia minima di sostenibilità, ma c'è una piccola fetta di persone che vive a livelli aberranti, inimmaginabili e criminali, prima ancora che immorali.

Ecco perché non risolveremo mai nulla, per via politica. Perché nessun amministratore locale, per corretto che sia, potrebbe oggi sistemare le cose.

Il problema è sovranazionale, globale. Ed è un problema di modello, che solamente i cittadini possono tentare di rovesciare, imparando a spendere meglio e ad opporsi con forza.

Certo, questa è un'utopia. Ma anche il capitalismo lo è, pur dominandoci da secoli...  È davvero arrivata la fine dei tempi, la resa dei conti, il momento in cui occorre decidere da che parte stare, assumendocene le responsabilità e i rischi.

Voi da che parte state?

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pochi metri, pochi attimi, poca maledetta paura

A mente fredda e nel giorno in cui a Marsiglia un'altra automobile provoca morte e dolore tra la gente, provo a tornare con un filo di lucidità sui fatti del 17 agosto a Barcellona. Quando quel furgone si è lanciato sulla gente che passeggiava sulla Rambla, intorno alle 17 di un pomeriggio d'estate come tanti, io mi ero da poco spostato a circa un chilometro più in là, davanti a Casa Batlló, uno dei capolavori di Antoni Gaudí. Abbastanza lontano per non sentire le urla e per non vedere il sangue, ma tuttavia non al sicuro, come nei minuti e nei giorni successivi ho lentamente capito.

Seduto su una panchina con mia moglie e un'amica, siamo stati catturati dalle sirene spiegate dei Mossos D'Esquadra, la polizia catalana, da quelle delle ambulanze e dal rumore degli elicotteri che hanno iniziato a sorvolare la zona, indicandoci chiaramente che qualcosa stava andando storto, nelle vicinanze.


Abbiamo allora aperto Twitter e siamo riusciti a capire che ci doveva essere stat…

Quanto guadagni facendo quel che fai?

Guadagni da quello che fai o da quello che sei? La crisi, credo, è tutta e soltanto qui; stiamo passando da un mondo che pagava le nostre competenze e il nostro tempo, ad uno che sempre più pagherà quello che noi siamo: un tassello unico e non riproducibile di un puzzle che si evolve pezzo dopo pezzo.

Non nascondetevi dietro ai vostri titoli e alle vostre competenze, perché in futuro non ci sarà più spazio per chi è solamente quello che sa fare. Per questo ci saranno sempre più le macchine, mentre ciascuno di noi dovrà capire a fondo chi è, per poi spiegarlo a tutti gli altri e trovare il suo posto in quel gigantesco puzzle dinamico, che sarà la società del futuro.

#pensierisparsi

FOTO: pixabay.com

L’improcrastinabile esigenza di stabilire un contatto con l’umanità

Dovremmo solo entrare in contatto, stabilire una vera connessione, comprenderci intimamente, oltre la nostra quotidianità, oltre i nostri stupidi affari personali, oltre la cortina di ferro della privacy, che ci spinge a nasconderci dentro le mura di casa. Basterebbe questo, ne sono convinto e lo spero, per diventare una grande famiglia globale, in cui le nostre miserie non fossero più importanti di quelle degli altri, in cui la solidarietà fosse l'unico contratto, la sola obbligazione, l'investimento irrinunciabile cui ciascuno vorrebbe ambire. Ciò che conviene a tutti conviene anche a te, dovremmo crederci fino in fondo, anche se in mezzo c'è del tempo da aspettare, del sudore da sudare, tanta fatica da sopportare e il mostro affamato dell'ego da anestetizzare. Un mostro da sopire, o meglio da esaltare in un coro polifonico di anime non più disperse, non più prigioniere di sé stesse e della propria natura, schizofrenica e instabile, progettata per cercare, non per…