Passa ai contenuti principali

Della bellezza e del talento


Dicono che sia meglio puntare sul cervello, piuttosto che sulla bellezza. Asserzione banale, ma condivisibile. Purtuttavia l'aspetto fisico conta nella vita, che lo si voglia ammettere o no. Fa parte della nostra comunicazione, se non della nostra strategia di vita. La scelta è quanto puntarci su, ma è una scelta intima e personale, che ciascuno compie ogni giorno in funzione delle proprie capacità, ambizioni, ceto sociale, ambiente, etc.

La faccio (troppo) semplice: la scelta è, ad esempio, se riempire la bacheca della propria vita di "pose" più o meno sexy e ammiccanti o di dotte citazioni, di pensieri profondi, di stralci di cultura, arte e ingegno. Di gattini o di giochini scemi, di politica o di sport, etc.

Ma, bisogna ammetterlo, non è una scelta del tutto libera e ciascuno dosa gli ingredienti in base a quello che si ritrova nel "frigorifero" della propria esistenza e con la consapevolezza che solo alcuni di essi possono essere acquistati con facilità o ad un costo sostenibile.

Una cosa è certa, però. Chi punta soltanto sull'aspetto fisico è destinato ad una vita vuota e ad una vecchia solitaria e triste, perché il dono della bellezza è effimero e quello che hai accumulato nella vita servendoti di lui svanisce col tempo allo stesso modo, finché non ti rendi conto che alla fine eri tu ad essere sfruttato dagli altri, piuttosto che essere "quello furbo".

Come nel business, per vivere bene e per sfruttare tutte le opportunità ci vuole un buon "marketing mix" e, soprattutto, serve il coraggio di fare tutta la strada, senza cercare scorciatoie che non siano accessibili a tutti. Mi viene in mente l'IKEA, con i suoi corridoi espositivi a serpentina, che puoi percorrere per intero o tagliare, passando direttamente dai salotti alle cucine, dalle lampade agli accessori bagno, senza vedere tutto quello che c'è in mezzo. Ecco, quelle porte sono accessibili a tutti, ma alla fine il giro lo si fa quasi sempre completo, mentre nella vita reale accade quasi sempre il contrario e chi ti passa avanti lo fa sfruttando una dote che tu non hai, talvolta addirittura barando.

Non fatelo. Non barate e non sfruttate i vostri doni (la bellezza fisica non è altro che questo, come parecchie altre cose) per tagliare la strada agli altri, ma usateli con cautela e con riconoscenza verso la fortuna che ve li ha regalati. Un consiglio? Siate sempre voi stessi, che anche se foste dei sesquipedali stronzi da esposizione fareste comunque un buon affare, per voi e per gli altri, che magari avranno anche il coraggio di aiutarvi a migliorare.



Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pochi metri, pochi attimi, poca maledetta paura

A mente fredda e nel giorno in cui a Marsiglia un'altra automobile provoca morte e dolore tra la gente, provo a tornare con un filo di lucidità sui fatti del 17 agosto a Barcellona. Quando quel furgone si è lanciato sulla gente che passeggiava sulla Rambla, intorno alle 17 di un pomeriggio d'estate come tanti, io mi ero da poco spostato a circa un chilometro più in là, davanti a Casa Batlló, uno dei capolavori di Antoni Gaudí. Abbastanza lontano per non sentire le urla e per non vedere il sangue, ma tuttavia non al sicuro, come nei minuti e nei giorni successivi ho lentamente capito.

Seduto su una panchina con mia moglie e un'amica, siamo stati catturati dalle sirene spiegate dei Mossos D'Esquadra, la polizia catalana, da quelle delle ambulanze e dal rumore degli elicotteri che hanno iniziato a sorvolare la zona, indicandoci chiaramente che qualcosa stava andando storto, nelle vicinanze.


Abbiamo allora aperto Twitter e siamo riusciti a capire che ci doveva essere stat…

La differenza tra il bene e il male

Il male è facile da riconoscere, nella maggior parte dei casi. E se anche non lo riconosci, prima o poi si manifesta per quello che è, soltanto raramente quando è troppo tardi per affrontarlo in qualche modo.

Più difficile è il bene, nelle sue molteplici sfumature, nella sua incapacità di essere davvero universale e infinito. No, il bene è quasi sempre una creatura mortale, delicata e imperfetta come tutti noi e per questo incapace di essere il bene di tutti, senza che ci sia l'impegno e la volontà di ciascuno per tenerlo vivo e acceso.

Assomiglia alle lucine degli alberi di Natale, il bene. Funziona se tutte le lampadine restano legate tra loro e brillano all'unisono o ad intermittenza. Ma se una si rompe, è più che probabile che tutta la catena smetta di funzionare o che anche le altre inizino ad avere problemi, una dopo l'altra.

Ecco la differenza tra il male e il bene: il primo vive di pura individualità, è universale e spavaldo, ma da solo prima o poi è destinato ad es…

Essere o Avere? Ostentare. Apparire e ostentare...

L'era dei social media dimostra sostanzialmente una cosa: l'aberrante tensione all'avere dei nostri padri e dei nostri nonni, ha lasciato in eredità un altrettanto smodato bisogno di essere, degenerato nell'apparire e nell'ostentare.

Eccolo dunque, il mostro del nostro tempo: l'ibrido avere/essere, che ha generato prima "avere per essere" e poi "ostentare per essere".

Avere è oggi sottinteso, lo diamo in un certo senso per scontato. E' ancora un prerequisito fondamentale per l'idea moderna di essere, ma non è più centrale, perché il focus è ora sull'apparire, che di certo l'avere semplifica.

Apparire, ostentare, mostrarsi. Drammatico retaggio dell'era della TV, se non appari, giorno dopo giorno e ogni giorno con un nuovo numero da esibire, semplicemente non sei. Non esisti. Eccolo, il lato oscuro dei media sociali (uno tra i tanti, in verità).

#pensierisparsi