Passa ai contenuti principali

Sul turismo in crisi, per una fetta di limone

Questa piccola storia risale a una quindicina di giorni fa, in occasione di un evento di matching tra imprese cui ho partecipato a Lazise (VR). Due giorni di incontri serrati e di speech, in un periodo di bassa stagione, ma già piuttosto affollato di turisti tedeschi di una certa età, che da sempre considerano il Garda una specie di mare abbastanza vicino e piuttosto comodo.

La seconda sera dell'evento, stufo di starmene chiuso in albergo, mi affaccio appena fuori con un paio di colleghi, a Peschiera. Sono quasi le dieci di sera e in giro c'è davvero poca gente, quindi un bar vuoto vale l'altro e, delle due l'una, o c'è capitato il più sfigato di tutti, oppure (come penso e temo) il nostro paese sta andando a rotoli per colpa di tutti, esercenti compresi, che poi si lamentano per "la crisi" e per lo stato tiranno.

Premetto: sono stato un piccolo imprenditore del settore turistico ricettivo e della ristorazione anch'io, qualche anno fa, quindi so bene quali siano i problemi della categoria e quante le colpe dello stato e di fattori esterni, ma per certe cose non c'è davvero giustificazione.

Cosa è successa? Una cosa talmente piccola da sembrare marginale, mentre è davvero il fulcro di tutto, uno dei motivi per cui la gente in vacanza in Italia non ci viene più. Entriamo, ci sediamo, chiediamo delle birre e un paio di panini ma... affettati non ce ne sono, solo prosciutto cotto e di birre solamente un paio di marchi, in bottiglia, tristi e da supermercato. E' mercoledì sera, non sono nemmeno le 10, ma il locale è semivuoto, forse qualche mezza lancia in favore della ragazza al bancone, da sola a portare avanti la baracca, la si può spezzare. Pazienza.

Ripiego così sulla Coca-Cola, che in un localino tutto sommato grazioso e con parecchi tavoli, si presume possa essere servita almeno in bicchiere e con ghiaccio e con una scorzetta di limone. Invece mi arriva una lattina squallida, anche questa da supermercato e un bicchiere vuoto in cui eventualmente versarla, se del caso.

Poco male, chiedo alla signorina del ghiaccio e un po' di limone, mentre i panini dei miei colleghi arrivano dalla Germania, forse, insieme a qualche attempato turista crucco. Ma il tempo passa, il locale via via si riempie, tanto per dimostrare che le lance spezzate in favore della tipa dietro al bancone sono quanto meno parecchio generose (se di lavoro ce n'è devi avere anche la materia prima) ma di panini, ghiaccio e limone nemmeno l'ombra.

Ma adesso il locale è semipieno e ci sta che la "gentile" signorina sia un po' in affanno. Attendiamo, arrivano i panini, la Coca-Cola è ormai tiepida, ma di ghiaccio e limone nemmeno l'ombra. Nemmeno del bicchiere, che la ragazza si era portato via a seguito della mia esagerata richiesta. Mi rassegno. Bevo a canna dalla lattina, ridendoci su. La "solerte" cameriera non si accorge della sua dimenticanza nemmeno quando, dopo più di un'ora dal nostro arrivo, viene al tavolo a portarsi via due bicchieri da birra, due piattini e una lattina vuota, tristissima. Amen.

A te, caro turista tedesco di una certa età che da oltre 30 anni vieni sul Garda, dico solo che fai parecchio bene a criticare questo paese e la sua gente. E a restare ogni anno più deluso. Una roba del genere non si può tollerare, non ha nessuna ragione se non la più triste: siamo un popolo allo sbando, non ce ne frega nulla di quello che facciamo, non abbiamo rispetto per le persone e per il lavoro. Meritiamo il declino, "la crisi". Forse anche l'oblio.

Sveglia Italia, il tempo dei lamenti inutili è finito, tocca a ciascuno di noi risollevare le sorti di questa nazione, che se aspettiamo la politica finiamo per diventare come loro: incapaci, fannulloni, rissosi e indegni, da qualunque punto di vista.
3 commenti

Post popolari in questo blog

Pochi metri, pochi attimi, poca maledetta paura

A mente fredda e nel giorno in cui a Marsiglia un'altra automobile provoca morte e dolore tra la gente, provo a tornare con un filo di lucidità sui fatti del 17 agosto a Barcellona. Quando quel furgone si è lanciato sulla gente che passeggiava sulla Rambla, intorno alle 17 di un pomeriggio d'estate come tanti, io mi ero da poco spostato a circa un chilometro più in là, davanti a Casa Batlló, uno dei capolavori di Antoni Gaudí. Abbastanza lontano per non sentire le urla e per non vedere il sangue, ma tuttavia non al sicuro, come nei minuti e nei giorni successivi ho lentamente capito.

Seduto su una panchina con mia moglie e un'amica, siamo stati catturati dalle sirene spiegate dei Mossos D'Esquadra, la polizia catalana, da quelle delle ambulanze e dal rumore degli elicotteri che hanno iniziato a sorvolare la zona, indicandoci chiaramente che qualcosa stava andando storto, nelle vicinanze.


Abbiamo allora aperto Twitter e siamo riusciti a capire che ci doveva essere stat…

Su Roma e sulle (non) Olimpiadi del 2024

Non voto M5S, non amo la politica, non sono schierato con nessuno, talvolta nemmeno con me stesso. Credo però che la questione Olimpiadi sia davvero molto semplice e che un politico come la Raggi, che non mi piace nemmeno un po' e che non avrei votato, non avesse altre scelte se non quella di dire NO.
Molti stanno rovesciando la frittata, ma il discorso è: investire, se e quando e il caso di farlo, significa spendere soldi per creare opere utili ad una città e ad un paese e, lo abbiamo visto troppe volte, la maggior parte di ciò che viene costruito per Olimpiadi, Mondiali ed eventi una tantum resta poi inutilizzato, ammesso che lo sia stato almeno durante l'evento stesso, rappresentando non solo un grande spreco si denaro ma anche un ulteriore ecomostro da sopportare.
Si può fare di meglio? Si può mettere in piedi un evento che vada in una direzione differente? Onestamente non credo, se non cambiamo prima il modello e le premesse, perché queste kermesse viaggiano sui loro binari…

Quanto guadagni facendo quel che fai?

Guadagni da quello che fai o da quello che sei? La crisi, credo, è tutta e soltanto qui; stiamo passando da un mondo che pagava le nostre competenze e il nostro tempo, ad uno che sempre più pagherà quello che noi siamo: un tassello unico e non riproducibile di un puzzle che si evolve pezzo dopo pezzo.

Non nascondetevi dietro ai vostri titoli e alle vostre competenze, perché in futuro non ci sarà più spazio per chi è solamente quello che sa fare. Per questo ci saranno sempre più le macchine, mentre ciascuno di noi dovrà capire a fondo chi è, per poi spiegarlo a tutti gli altri e trovare il suo posto in quel gigantesco puzzle dinamico, che sarà la società del futuro.

#pensierisparsi

FOTO: pixabay.com