Passa ai contenuti principali

L'uomo al centro



Aver messo l'uomo al centro di tutto è ciò ci ha portati sin qui, nel bene e nel male. Nessun altro animale lo ha fatto, dominando la terra, fino  al punto di poterla addirittura distruggere. 

Nessuna religione, nessun precetto morale o filosofico, nessuna dottrina economica o sociale ci hanno impedito di spingerci così tanto oltre, fino a questo balzo che ci sta portando verso qualcosa che ancora non riusciamo nemmeno a immaginare. 

Intelligenza, ambizione, coraggio, capacità di interagire con gli altri e di tramandare conoscenze e competenze alle generazioni future, sono le qualità che ci hanno portati qui. Ma ora tutto questo non basta più. 

Corrotti dal denaro e piegati al potere, che rincorriamo ottusi, con cieca determinazione, i nostri talenti si stanno spegnendo o trasferendo altrove, nelle macchine che abbiamo creato per fare di più e meglio. Per produrre di più e per generare ulteriori profitti.

Denaro che compra e che corrompe le persone e ne altera la coscienza, la consapevolezza, il senso profondo della vita e dell'appartenenza a un tutto che può spazzarci via in un attimo e che di sicuro lo farà, se non sapremo fare un passo indietro. O in avanti. 

Abbiamo messo l'uomo al centro e siamo arrivati sin qui, ma oggi è arrivato il momento di andare oltre, di percorrere una strada che dal singolo ci porti verso l'umanità intera. 


IMMAGINE: pixabay.com
Posta un commento

Post popolari in questo blog

La differenza tra il bene e il male

Il male è facile da riconoscere, nella maggior parte dei casi. E se anche non lo riconosci, prima o poi si manifesta per quello che è, soltanto raramente quando è troppo tardi per affrontarlo in qualche modo.

Più difficile è il bene, nelle sue molteplici sfumature, nella sua incapacità di essere davvero universale e infinito. No, il bene è quasi sempre una creatura mortale, delicata e imperfetta come tutti noi e per questo incapace di essere il bene di tutti, senza che ci sia l'impegno e la volontà di ciascuno per tenerlo vivo e acceso.

Assomiglia alle lucine degli alberi di Natale, il bene. Funziona se tutte le lampadine restano legate tra loro e brillano all'unisono o ad intermittenza. Ma se una si rompe, è più che probabile che tutta la catena smetta di funzionare o che anche le altre inizino ad avere problemi, una dopo l'altra.

Ecco la differenza tra il male e il bene: il primo vive di pura individualità, è universale e spavaldo, ma da solo prima o poi è destinato ad es…

Essere o Avere? Ostentare. Apparire e ostentare...

L'era dei social media dimostra sostanzialmente una cosa: l'aberrante tensione all'avere dei nostri padri e dei nostri nonni, ha lasciato in eredità un altrettanto smodato bisogno di essere, degenerato nell'apparire e nell'ostentare.

Eccolo dunque, il mostro del nostro tempo: l'ibrido avere/essere, che ha generato prima "avere per essere" e poi "ostentare per essere".

Avere è oggi sottinteso, lo diamo in un certo senso per scontato. E' ancora un prerequisito fondamentale per l'idea moderna di essere, ma non è più centrale, perché il focus è ora sull'apparire, che di certo l'avere semplifica.

Apparire, ostentare, mostrarsi. Drammatico retaggio dell'era della TV, se non appari, giorno dopo giorno e ogni giorno con un nuovo numero da esibire, semplicemente non sei. Non esisti. Eccolo, il lato oscuro dei media sociali (uno tra i tanti, in verità).

#pensierisparsi

Umanità: Il punto di non ritorno è vicino

Ci stiamo rapidamente avvicinando, io credo, a quello che potremmo per molti versi definire un vero e proprio punto di non ritorno, per il genere umano. Siamo alle soglie di quella che Raymond Kurzweil chiama "Quinta Epoca", in cui la tecnologia e l'intelligenza umana si fondono, preannunciando il passaggio dalla sola intelligenza biologica a quella che presto potrà dar vita, cosa che sta avvenendo già ora in realtà, ad una combinazione ibrida e cibernetica.

L'intelligenza biologica, che oggi inizia ad essere aumentata dalla tecnologia e da una ancora acerba Intelligenza Artificiale, sarà presto affiancata (o magari addirittura rimpiazzata) da un'intelligenza non biologica, che inizialmente sarà frutto dell'ibridazione tecnologica, come potrebbe essere quella ottenuta attraverso l'impianto di nanobot, che ne aumenteranno le capacità e le funzioni.

A quel punto saremo alle soglie della "Sesta Epoca" descritta da Kurzweil, in cui le intelligenze …