Meritocrazia, dite? Non la vostra, però...

No, sono davvero convinto che la mia idea di meritocrazia non assomigli neanche un po' alla vostra. Vi spiego perché.

Per voi, se ben capisco cosa avete in mente, quando ne scrivete in giro per la rete, il merito consiste nello studiare di più e/o meglio, nel lavorare di più e/o meglio, nell'impegnarsi di più e in "qualcos'altro di più".

Certo, in un mondo ideale questa vostra idea del merito non farebbe una piega, ma nella realtà non funziona e non funzionerà mai. Perché?

Semplice, perché per ottenere di più, che in questo mondo significa quasi esclusivamente guadagnare di più, è molto più semplice, più comodo e più rapido percorrere la strada dell'illecito o addirittura quella del crimine, piuttosto che quella del merito.

Il motivo è imbarazzantemente semplice: in una società capitalistica, tutto si misura in soldi, tutto si può comprare e nessun privilegio o gloria è accessibile solamente per merito. Così accade che, nel mondo reale, per ognuno che arriva ai gradini più alti della società per puro merito, ce ne siano almeno nove che ci sono arrivati in modo irregolare, o addirittura illecito. È fisiologico e del tutto inevitabile.

Una società che misura ogni cosa attraverso i soldi, non può che generare corruzione, ingiustizia, collusione e ogni tipo di violenza e prevaricazione. I soldi non sono la causa di questo, in quanto strumento ma, come in tutte le cose, quando si finisce per elevare ad unica divinità uno strumento, esso si trasforma in un pericolo enorme, che prima o poi spazzerà via i suoi adoratori.

Qual'è la mia idea di merito, dunque? Credo, e spero, che in futuro avremo sempre più esempi di gente che si rifiuta di entrare nell'ascensore sociale e che dimostrerà, con i fatti, di seguire altre strade, meno legate ai soldi e più alla realizzazione, non soltanto personale, ma di gruppo.

Credo che la società cambierà profondamente e che tutta questa rincorsa verso il Dio denaro non potrà continuare in eterno. Il sistema collasserà, ne sono convinto. E quando collasserà non ci saranno titoli e meriti che tengano, se non quelli della solidarietà e dell'umanità. Estote parati...

Commenti

Post popolari in questo blog

La differenza tra il bene e il male

Un devastante Orfeo nel Metrò al Ponchielli di Cremona

Sul dramma dei migranti