Passa ai contenuti principali

Sulla crisi, la grande menzogna...

La crisi è seguire le logiche di un mercato che è sempre più drammaticamente lontano dal mercato di strada, quello fatto da gente che si alza alle cinque del mattino e si spezza la schiena per vendere quel poco che ha, fino ad esaurimento della merce e delle forze.

Quello è(ra) il mercato, fatto di gente che ha bisogno di qualcosa da mangiare e di qualcosa per vivere, giorno dopo giorno, e nel quale i commercianti vendono la propria mercanzia, a prezzi determinati dalla domanda, dall'offerta, dalla stagione e da pochissimi, concreti e tangibili parametri.

Quello è il mercato, mentre oggi i prezzi li detta la finanza internazionale e li scrive la borsa, in base a centinaia di parametri intangibili, scarsamente verificabili, troppo spesso del tutto svincolati dalle esigenze, dalle priorità e dalle aspettative del mondo reale.

In borsa il prezzo e il valore delle cose non è determinato dalle logiche della gente comune, dai loro bisogni, ma oscilla in funzione delle dichiarazioni (quasi sempre illogiche) dei politici, degli imprenditori e degli economisti, in base agli spostamenti di quote, azioni, manager, aziende...

In borsa non si lavora, si gioca. E' quello il termine che spesso si utilizza: giocare in borsa. Mentre la gente fuori soffre, muore, continua da sempre ad aver bisogno delle stesse cose, quelle che per loro natura non possono far arricchire nessuno. Chi si arricchisce specula, da sempre. Chi si arricchisce lo fa imponendo vessazioni, soprusi, tasse, gabelle, balzelli di ogni genere.

Andavano così, le cose, prima del capitalismo. Poi tutto è cambiato, perché la speculazione e il profitto sono divenute le uniche logiche, le sole strade percorribili, il modello. Poco importa se quel modello sia del tutto insostenibile, in termini etici, sociali, ambientali e addirittura economici. Quello è stato e continua ad essere il cappio al collo della gente, la strada alla fine della quale poche migliaia di individui in tutto il mondo si arricchiscono spropositatamente a danno di miliardi di esseri umani inermi.

Cos'è la crisi, dunque? Niente di più che il fondo di un barile maleodorante di morte e di pestilenza, in cui nulla ha più un senso se non per quei pochissimi che continuano a pisciarci dentro, nonostante stia tracimando nelle loro ville hollywoodiane, allagandone i salotti e facendo galleggiare i divani in pelle bianca nella melma e nel sangue.

Questa è la crisi. L'ingiustizia al suo culmine massimo, l'orchestra che si ostina a suonare mentre la nave affonda e la politica internazionale che non riesce più ad arginare il mostro che da sempre difende e rappresenta, le cui promesse dorate sono ormai minacce.

O si cambia o si muore, ecco cos'è la crisi. La grande menzogna di una minoranza che si è comprata tutto quello che poteva comprare e che ora non sa come spendere quelle immense ricchezze, perché nessuno ha più nulla da vendere o da offrire, se non la propria vita, inutile come sempre.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pochi metri, pochi attimi, poca maledetta paura

A mente fredda e nel giorno in cui a Marsiglia un'altra automobile provoca morte e dolore tra la gente, provo a tornare con un filo di lucidità sui fatti del 17 agosto a Barcellona. Quando quel furgone si è lanciato sulla gente che passeggiava sulla Rambla, intorno alle 17 di un pomeriggio d'estate come tanti, io mi ero da poco spostato a circa un chilometro più in là, davanti a Casa Batlló, uno dei capolavori di Antoni Gaudí. Abbastanza lontano per non sentire le urla e per non vedere il sangue, ma tuttavia non al sicuro, come nei minuti e nei giorni successivi ho lentamente capito.

Seduto su una panchina con mia moglie e un'amica, siamo stati catturati dalle sirene spiegate dei Mossos D'Esquadra, la polizia catalana, da quelle delle ambulanze e dal rumore degli elicotteri che hanno iniziato a sorvolare la zona, indicandoci chiaramente che qualcosa stava andando storto, nelle vicinanze.


Abbiamo allora aperto Twitter e siamo riusciti a capire che ci doveva essere stat…

Su Roma e sulle (non) Olimpiadi del 2024

Non voto M5S, non amo la politica, non sono schierato con nessuno, talvolta nemmeno con me stesso. Credo però che la questione Olimpiadi sia davvero molto semplice e che un politico come la Raggi, che non mi piace nemmeno un po' e che non avrei votato, non avesse altre scelte se non quella di dire NO.
Molti stanno rovesciando la frittata, ma il discorso è: investire, se e quando e il caso di farlo, significa spendere soldi per creare opere utili ad una città e ad un paese e, lo abbiamo visto troppe volte, la maggior parte di ciò che viene costruito per Olimpiadi, Mondiali ed eventi una tantum resta poi inutilizzato, ammesso che lo sia stato almeno durante l'evento stesso, rappresentando non solo un grande spreco si denaro ma anche un ulteriore ecomostro da sopportare.
Si può fare di meglio? Si può mettere in piedi un evento che vada in una direzione differente? Onestamente non credo, se non cambiamo prima il modello e le premesse, perché queste kermesse viaggiano sui loro binari…

Quanto guadagni facendo quel che fai?

Guadagni da quello che fai o da quello che sei? La crisi, credo, è tutta e soltanto qui; stiamo passando da un mondo che pagava le nostre competenze e il nostro tempo, ad uno che sempre più pagherà quello che noi siamo: un tassello unico e non riproducibile di un puzzle che si evolve pezzo dopo pezzo.

Non nascondetevi dietro ai vostri titoli e alle vostre competenze, perché in futuro non ci sarà più spazio per chi è solamente quello che sa fare. Per questo ci saranno sempre più le macchine, mentre ciascuno di noi dovrà capire a fondo chi è, per poi spiegarlo a tutti gli altri e trovare il suo posto in quel gigantesco puzzle dinamico, che sarà la società del futuro.

#pensierisparsi

FOTO: pixabay.com