A Cremona il 1° Campionato Italiano di Baskin

Chi mi conosce di questo port ne ha già sentito parlare. Il Baskin (Basket Integrato), è l'unico sport che io conosca in cui il concetto di integrazione non sia soltanto una bella parola sussurrata al vento, bensì il senso e la ragione di tutto.

Un "tutto" in cui, grazie a complesse e articolate regole, possono giocare e divertirsi assieme persone con vari livelli e tipologie di disabilità e persone normodotate, uomini e donne, giovani e anziani, supersportivi fisicatissimi e veri nerd come il sottoscritto.

Per questo sport, nato nel 2006, oggi è un giorno speciale. Mentre scrivo sto facendo live facebooking delle partite della prima giornata del Campionato Italiano, prima edizione, il vero fiore all'occhiello di un movimento che è cresciuto anno dopo anno, partendo da Cremona e arrivando in tutta Italia.

La due giorni del campionato vede squadre provenienti da Aosta, Ferrara, Lentate, Pesaro, Urbania, e ovviamente da Cremona, patria del Baskin, che schiera le rappresentative del San Michele e di San Ilario, fresca vincitrice del campionato cittadino.

Potrei scrivere fiumi di belle parole, su questo sport, ma preferisco che a parlare siano le immagini, perché a parole si riesce solo ad esprimere banalità, mentre questa disciplina è fatta di amore, amicizia, voglia di fare meglio e di dare il massimo, entusiasmo, passione, disponibilità e capacità di relazioni più profonde, più autentiche, più vere.












Commenti

Post popolari in questo blog

La differenza tra il bene e il male

Lockdown Italy: non è uno stop e non siamo nemmeno in folle

Che colore ha, la felicità?