Passa ai contenuti principali

31/12/2012, fine di un anno

Meno di 12 ore e sarà finito anche questo anno. Il 42esimo, per me, il 20.500esimo, secondo i Maya. Per tutti gli altri solo il 2012, anno bisestile ricolmo di avvenimenti e di date da ricordare, come tutti gli anni che la nostra storia ha prodotto, del resto.

Cosa ricorderò di questo 2012? Nulla, in particolare. Nonostante i miei anni siano solo 42, faccio fatica a ricordare cosa sia accaduto in ciascuno di essi. Non ricordo con certezza l'anno del diploma di maturità, né quello del mio primo lavoro, ad esempio.

Vado sempre per approssimazione, quando c'è da ricordare qualche data, che del resto il tempo non è che una convenzione di noi esseri umani limitati, noiosi, bisognosi di punti di riferimento, di stelle polari, di contesti in cui muoverci tranquilli, senza rischiare di perderci.

Siamo umani, finiti, limitati dalla fisica e da altre leggi che abbiamo pensato di aggiungere nel corso dei millenni, perché non poter volare o non saper respirare sott'acqua non ci bastava e non avere vincoli ci spaventava, ci sembrava troppo.

Ecco perché siamo scappati dall'Eden. Non perché qualche Dio iracondo ci ha cacciati via, come la nostra noiosa religione vuole farci credere, ma perché la libertà ci faceva paura, era troppo, qualcosa di ingestibile e di insopportabile.

Avevamo tutto quello che ci serviva. Aria, acqua, sole, terra da coltivare, animali con cui accompagnarci, barattando un po' della nostra intelligenza con i frutti della loro natura, latte, uova, lana per coprirci e molto altro. Addirittura potevamo mangiarli, che nonostante ciò ci sarebbero stati devoti e fedeli per sempre, chissà poi perché.

Ma tutto questo paradiso in terra ci sembrava troppo, la libertà faceva rumore, ci spaventava. Ci volevano delle regole, ecco cosa. La mela del peccato? Eccola, le regole, le leggi, quelle che abbiamo sovrapposto alla sola legge che avremmo dovuto rispettare, quella della natura, le leggi della fisica.

Il risultato? Una folle corsa verso questi risultati, quelli che alla fine del 2012 ci vedono sempre meno liberi, sempre meno soddisfatti, pieni di oggetti e di riti inutili, lontani più che mai della natura e immersi in un mondo di cui fatichiamo a riconoscere gli scopi, a trovare un senso.

Cosa mi resterà di questo 2012? Il ricordo della malcelata speranza di molti che il 21/12 fosse davvero la fine, se non del mondo almeno di un'era. L'attesa di una magia, di un incantesimo che ci liberasse tutti senza sforzi, come se davvero ciascuno di noi fosse esente da colpe, rispetto a questa società meschina e ad un modello di sviluppo del tutto insostenibile, oltre che iniquo, folle e scellerato.

No ragazzi, sarebbe stato troppo comodo finirla lì, il 21/12. Non è così che vanno le cose e a dirla tutta non sappiamo nemmeno se queste nostre date abbiano davvero un senso, oltre a quello di aiutarci a ricordare e a creare una storia da imparare a scuola. Quindi...?

Buon 2013 a tutti, soprattutto a chi vuole e a chi saprà cambiare davvero, partendo da se stesso, dalle proprie abitudini, dai propri consumi, dal proprio modo di vedere e di sentire. Auguro a tutti di ricominciare a sentirsi parte di qualcosa di più grande, di un cosmo che risponde a poche ma imprescindibili regole, che potremmo facilmente riassumere in un solo nome, facile da comprendere e difficilissimo da mettere in pratica: AMORE.
2 commenti

Post popolari in questo blog

Su Roma e sulle (non) Olimpiadi del 2024

Non voto M5S, non amo la politica, non sono schierato con nessuno, talvolta nemmeno con me stesso. Credo però che la questione Olimpiadi sia davvero molto semplice e che un politico come la Raggi, che non mi piace nemmeno un po' e che non avrei votato, non avesse altre scelte se non quella di dire NO.
Molti stanno rovesciando la frittata, ma il discorso è: investire, se e quando e il caso di farlo, significa spendere soldi per creare opere utili ad una città e ad un paese e, lo abbiamo visto troppe volte, la maggior parte di ciò che viene costruito per Olimpiadi, Mondiali ed eventi una tantum resta poi inutilizzato, ammesso che lo sia stato almeno durante l'evento stesso, rappresentando non solo un grande spreco si denaro ma anche un ulteriore ecomostro da sopportare.
Si può fare di meglio? Si può mettere in piedi un evento che vada in una direzione differente? Onestamente non credo, se non cambiamo prima il modello e le premesse, perché queste kermesse viaggiano sui loro binari…

Quanto guadagni facendo quel che fai?

Guadagni da quello che fai o da quello che sei? La crisi, credo, è tutta e soltanto qui; stiamo passando da un mondo che pagava le nostre competenze e il nostro tempo, ad uno che sempre più pagherà quello che noi siamo: un tassello unico e non riproducibile di un puzzle che si evolve pezzo dopo pezzo.

Non nascondetevi dietro ai vostri titoli e alle vostre competenze, perché in futuro non ci sarà più spazio per chi è solamente quello che sa fare. Per questo ci saranno sempre più le macchine, mentre ciascuno di noi dovrà capire a fondo chi è, per poi spiegarlo a tutti gli altri e trovare il suo posto in quel gigantesco puzzle dinamico, che sarà la società del futuro.

#pensierisparsi

FOTO: pixabay.com

Quello che so delle donne

Quello che so è che senza le donne nulla avrebbe senso.

Non ne avrebbe un giorno senza sentire la loro voce, senza perdersi nel loro sorriso, senza impegnarsi a scoprire cosa c'è dietro i loro silenzi, dietro i loro piccoli tic, dentro la loro anima piena di luce, di nuvole gonfie di pioggia, di mare ricco di pesci e di vita.

Senza il loro profumo, la loro forza e senza il mistero che avvolge ogni loro pensiero. Sono adesivi e magnetici, i pensieri delle donne... I nostri fluttuano solitari, tra le quattro pareti dell'acquario della coscienza.

I pensieri delle donne, invece, popolano in grandi branchi il mare infinito della loro mente e della loro anima, impossibili da approcciare singolarmente, perché hanno vita soltanto nella loro complessità e vivono in simbiosi, scambiandosi energia e regalando al mondo la vita, giorno dopo giorno.

Sono anime di luce, le donne. Senza di loro tutto sarebbe buio, freddo e immobile. Senza di loro nulla avrebbe senso e non ci sarebbe vita. ‪

#‎…