Oltre le sovrastrutture che ci schiacciano


Sovrastrutture, piaga millenaria dell'umanità. L'uomo, oggi aumentato dalla tecnologia, è sepolto sotto spessi strati di sovrastrutture che vengono da molto lontano e che si incrociano tra loro. Lenti che deformano la realtà, che ne ingigantiscono singole parti (oscurandone altre) e che focalizzano le persone su specifici aspetti e prospettive. Lenti che tra di loro interferiscono, raramente in modo positivo.

Il risultato di questa stratificazione è un uomo ai cui molti poteri e possibilità quasi mai corrispondono adeguati livelli di consapevolezza e di responsabilità e, soprattutto, cui risulta sempre più difficile districarsi tra queste lenti e vedere le cose per quello che sono davvero, anche solo per un istante.

Quegli strati costringono, limitano, deviano fino alla depravazione, togliendo libertà e capacità di comprendere. Molti rispondono a questa frustrazione con rabbia e violenza, altri si rassegnano alla loro miopia, ma quasi tutti riescono a percepire questa condizione, cui l'umanità può far fronte in un solo ed unico modo, io credo: tornando sui suoi passi, riscoprendo e rielaborando le basi, che continuiamo a dare per scontate e che invece ci urlano di fermarci a riflettere, anziché correre a perdifiato verso un futuro ormai inafferrabile, perché già presente. In questa condizione pensare ci sembra un lusso o una perdita di tempo, perché riteniamo che invece si debba agire.

Chi si ferma è perduto, ci hanno insegnato, ma lì davanti c'è un muro contro il quale non possiamo permetterci di schiantarci.

#riflessioniamargine

Commenti

Sara ha detto…
Bellissima riflessione cara amica a questo modo di fare dell'umanità C'è ben poco da fare se non la ricerca di una verità a cui aderire e con coraggio perseverare nelle nostre convinzioni il mondo va come va e se un giorno dovrà finire aarà causata dalle responsabilità dell'uomo
Sara ha detto…
Bellissima riflessione cara amica a questo modo di procedere dell'umanità C'è ben poco da fare se non la ricerca di una verità a cui aderire e con coraggio perseverare nelle nostre convinzioni il mondo va come va e se un giorno dovrà finire sarà solo a causa dalla "giuliva" responsabilità dell'uomo

Post popolari in questo blog

La differenza tra il bene e il male

Un devastante Orfeo nel Metrò al Ponchielli di Cremona

Sul dramma dei migranti