Passa ai contenuti principali

Non siamo dentro al Truman Show


Non siamo dentro al Truman Show. Se lo fossimo sarebbero in molti ad accorgersi che è tutto falso. Ma non è così. Il sistema in cui siamo immersi è molto più complesso e difficile da decifrare.

In esso il confine tra il vero e il falso è labile e tra l'uno e l'altro convivono infinite sfumature, che a stento riusciamo a percepire e che molto raramente comprendiamo, grazie a qualche fortuita e sporadica intuizione. Una sola cosa mi appare chiara, in questo labirinto: vero e falso non sono sinonimi di bene e male, come vorrebbero farci credere molte istruzioni, tra le quali alcune religioni, ma soprattutto questi non sono parametri assoluti, ma in continua ridefinizione.

Una sola cosa è assoluta ed inarrivabile: essa è la verità, cui nessun uomo potrà mai attingere. Ma la verità non ci è negata da oscure sovrastrutture che ci tengono sottomessi grazie al loro sapere e ai loro poteri, io credo, ma dalla nostra incapacità di sviluppare una visione integrale, in grado di guardare le cose da tutti i punti di vista possibili e sotto tutte le luci.

Una visione che rinunci a tutti i nostri interessi e pregiudizi, ai nostri schemi mentali, al nostro stile e alle nostre impostazioni e che vada oltre la finitezza della nostra umanità. Ecco perché abbiamo bisogno delle macchine e presto arriveremo a farci macchine noi stessi, per superare i limiti della nostra umanità e arrivare finalmente a quel discernimento che oggi non può in nessun modo appartenerci.

Questo non è necessariamente un bene, ma probabilmente non è nemmeno il male. Probabilmente è soltanto qualcosa di inevitabile, con cui dovremo fare i conti per capire, una volta per tutti, se i nostri limiti di esseri umani rappresentano un problema da risolvere o la più grande delle opportunità, che consiste nell'essere imperfetti per natura e, in quanto tali, del tutto incapaci di comprendere l'eternità, l'infinito e il divino che è in noi, ma che noi non siamo.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pochi metri, pochi attimi, poca maledetta paura

A mente fredda e nel giorno in cui a Marsiglia un'altra automobile provoca morte e dolore tra la gente, provo a tornare con un filo di lucidità sui fatti del 17 agosto a Barcellona. Quando quel furgone si è lanciato sulla gente che passeggiava sulla Rambla, intorno alle 17 di un pomeriggio d'estate come tanti, io mi ero da poco spostato a circa un chilometro più in là, davanti a Casa Batlló, uno dei capolavori di Antoni Gaudí. Abbastanza lontano per non sentire le urla e per non vedere il sangue, ma tuttavia non al sicuro, come nei minuti e nei giorni successivi ho lentamente capito.

Seduto su una panchina con mia moglie e un'amica, siamo stati catturati dalle sirene spiegate dei Mossos D'Esquadra, la polizia catalana, da quelle delle ambulanze e dal rumore degli elicotteri che hanno iniziato a sorvolare la zona, indicandoci chiaramente che qualcosa stava andando storto, nelle vicinanze.


Abbiamo allora aperto Twitter e siamo riusciti a capire che ci doveva essere stat…

La differenza tra il bene e il male

Il male è facile da riconoscere, nella maggior parte dei casi. E se anche non lo riconosci, prima o poi si manifesta per quello che è, soltanto raramente quando è troppo tardi per affrontarlo in qualche modo.

Più difficile è il bene, nelle sue molteplici sfumature, nella sua incapacità di essere davvero universale e infinito. No, il bene è quasi sempre una creatura mortale, delicata e imperfetta come tutti noi e per questo incapace di essere il bene di tutti, senza che ci sia l'impegno e la volontà di ciascuno per tenerlo vivo e acceso.

Assomiglia alle lucine degli alberi di Natale, il bene. Funziona se tutte le lampadine restano legate tra loro e brillano all'unisono o ad intermittenza. Ma se una si rompe, è più che probabile che tutta la catena smetta di funzionare o che anche le altre inizino ad avere problemi, una dopo l'altra.

Ecco la differenza tra il male e il bene: il primo vive di pura individualità, è universale e spavaldo, ma da solo prima o poi è destinato ad es…

Essere o Avere? Ostentare. Apparire e ostentare...

L'era dei social media dimostra sostanzialmente una cosa: l'aberrante tensione all'avere dei nostri padri e dei nostri nonni, ha lasciato in eredità un altrettanto smodato bisogno di essere, degenerato nell'apparire e nell'ostentare.

Eccolo dunque, il mostro del nostro tempo: l'ibrido avere/essere, che ha generato prima "avere per essere" e poi "ostentare per essere".

Avere è oggi sottinteso, lo diamo in un certo senso per scontato. E' ancora un prerequisito fondamentale per l'idea moderna di essere, ma non è più centrale, perché il focus è ora sull'apparire, che di certo l'avere semplifica.

Apparire, ostentare, mostrarsi. Drammatico retaggio dell'era della TV, se non appari, giorno dopo giorno e ogni giorno con un nuovo numero da esibire, semplicemente non sei. Non esisti. Eccolo, il lato oscuro dei media sociali (uno tra i tanti, in verità).

#pensierisparsi