Passa ai contenuti principali

Scrivi bene e nessuno si farà male



In futuro scrivere sarà sempre più un esercizio di chiarezza, di sintesi e di inequivocabilità. Dovremo pesare le parole con il bilancino da farmacista, dopo aver scolpito nella nostra testa il concetto che vogliamo esprimere, e dovremo essere certi di conoscere la materia di riferimento quel tanto che basta per poterci permettere di parlarne o di scriverne. Tanto più se quello che scriviamo è destinato a finire sul web.

Quando scriviamo in rete, infatti, e presto non esisterà altro che questo, scriviamo sempre e comunque al mondo intero e ad esso esponiamo non soltanto quel singolo pensiero, ma tutta la nostra esistenza, che sempre più sarà giudicata e analizzata in funzione di quel singolo cluster, in grado di contaminare tutto il resto e di crearci enormi problemi. 

Affrancarci dalla provincialità e dall'idea che stiamo scrivendo per i nostri amici, per il nostro territorio o per una qualsiasi nicchia, sarà un passo inevitabile. Le esperienze e i riferimenti rimarranno nostri, locali, in alcuni casi addirittura intimi, ma quando racconteremo qualcosa lo faremo comunque (potenzialmente) per l'umanità intera, che sempre più si sentirà in diritto, se non addirittura in dovere, di intervenire, di partecipare, di dire la propria e di giudicarci. Eventualmente anche di stroncarci, di vivisezionare il nostro pensiero e di metterci alla berlina.

Siamo tutti sotto i riflettori, sempre, che ci piaccia o no, e quello che scriviamo ci presenta e ci rappresenta presso un'orda di potenziali lettori che non sa nulla di noi e che ci giudicherà in funzione di quel singolo frammento di pensiero. Interpretandolo, decontestualizzandolo, con ogni probabilità fraintendendolo. Spesso strumentalizzandolo, facendolo proprio in funzione di chissà quale finalità o percorso.

Ecco perché scrivere oggi è un'enorme responsabilità. Ne va di noi stessi, della nostra credibilità, del rispetto cui tutti giustamente ambiamo e di molto altro ancora, con conseguenze che possono andare oltre noi stessi, verso gli altri, verso le idee e le ideologie cui teniamo e che vorremmo sempre difendere e che con le nostre parole potremmo mettere in pericolo.

Occorre dunque prestare la massima attenzione a quello che scriviamo. Occorre essere accorti, valutare parole, verbi, tempi e sfumature, perché il primo nemico della comunicazione è la superficialità, la sciatteria, il pressappochismo e la fretta di fissare un pensiero o un'idea senza averne valutato le possibili conseguenze. Occorre prudenza e moderazione, ma più di ogni altra cosa non bisogna mai considerare i social media e gli strumenti della rete un gioco, perché la sola cosa ad essere in gioco è la nostra reputazione, giorno dopo giorno, frase dopo frase, parola dopo parola.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

La differenza tra il bene e il male

Il male è facile da riconoscere, nella maggior parte dei casi. E se anche non lo riconosci, prima o poi si manifesta per quello che è, soltanto raramente quando è troppo tardi per affrontarlo in qualche modo.

Più difficile è il bene, nelle sue molteplici sfumature, nella sua incapacità di essere davvero universale e infinito. No, il bene è quasi sempre una creatura mortale, delicata e imperfetta come tutti noi e per questo incapace di essere il bene di tutti, senza che ci sia l'impegno e la volontà di ciascuno per tenerlo vivo e acceso.

Assomiglia alle lucine degli alberi di Natale, il bene. Funziona se tutte le lampadine restano legate tra loro e brillano all'unisono o ad intermittenza. Ma se una si rompe, è più che probabile che tutta la catena smetta di funzionare o che anche le altre inizino ad avere problemi, una dopo l'altra.

Ecco la differenza tra il male e il bene: il primo vive di pura individualità, è universale e spavaldo, ma da solo prima o poi è destinato ad es…

Essere o Avere? Ostentare. Apparire e ostentare...

L'era dei social media dimostra sostanzialmente una cosa: l'aberrante tensione all'avere dei nostri padri e dei nostri nonni, ha lasciato in eredità un altrettanto smodato bisogno di essere, degenerato nell'apparire e nell'ostentare.

Eccolo dunque, il mostro del nostro tempo: l'ibrido avere/essere, che ha generato prima "avere per essere" e poi "ostentare per essere".

Avere è oggi sottinteso, lo diamo in un certo senso per scontato. E' ancora un prerequisito fondamentale per l'idea moderna di essere, ma non è più centrale, perché il focus è ora sull'apparire, che di certo l'avere semplifica.

Apparire, ostentare, mostrarsi. Drammatico retaggio dell'era della TV, se non appari, giorno dopo giorno e ogni giorno con un nuovo numero da esibire, semplicemente non sei. Non esisti. Eccolo, il lato oscuro dei media sociali (uno tra i tanti, in verità).

#pensierisparsi

Bello, ricco, intelligente e...

Approfitto di una conversazione fatta su Facebook per raccogliere in un post alcune mie considerazioni sull’amore e sulle relazioni. La conversazione prendeva spunto da una fantomatica ricerca della University of Buffalo, secondo cui “i maschi provano disagio e paura quando devono rapportarsi con donne intelligenti. E, alla fine, scelgono partner meno brillanti”. Personalmente ritengo che ci sia un problema di fondo, rispetto a questo studio. L'amore si fa in due quindi, se le cose non funzionano, le responsabilità vanno sempre suddivise al 50%. Quante donne belle e particolarmente intelligenti conoscete, che scelgano i loro partner seguendo i consigli dell'intelletto, piuttosto che il cuore (tanto per usare un eufemismo)? Il problema è: più abbiamo e più facciamo fatica a capire di cosa abbiamo davvero bisogno, perché, se abbiamo tanto da offrire, è quasi certo che cercheremo piuttosto quello che vogliamo. Sarebbe poi da capire cosa si intenda per intelligenza e come la si …