Passa ai contenuti principali

Sul Terrore...


Odio e Paura. Lo scopo del terrorismo è quello di dividere, di segnare un solco profondo tra le persone, tra i popoli, tra le religioni, tra le parti. Divide et Impera.

Maggiore è la violenza dell'offesa, più profondo è il solco e più è facile, per chi tira i fili (di questo e di molto altro), governare, imporre leggi, tenere sotto controllo la situazione. Ordo ab chao, comunque lo intendiate.

Provate a riflettere, però: il terrorismo è una vera minaccia? Se non ci fossero i media non avrebbe alcun senso, sarebbe del tutto inutile, perché il punto è questo: si tratta di uno strumento tipico della società dell'informazione, che alimenta con le sue gesta scellerate, in un circolo vizioso senza fine.

Il terrorismo si serve dei media e viceversa, così come la politica e gli affari si servono dell’uno e degli altri, per governare con spietato cinismo e imporre una sola legge: quella del denaro, che tutto inghiotte e che tutto può.

Quando esplode una bomba o sparano sulla gente, pertanto, non fatevi ingannare dalla religione, dalla politica o da qualunque altra motivazione o rivendicazione. Si tratta di menzogne, di paraventi dietro cui si nascondono altre motivazioni e tra tutte una: amministrare il potere, portandolo ora a destra ora a sinistra, assicurandolo nelle mani del fantoccio di turno, fin quando sarà in grado di sostenerlo.

Cosa c’è dietro il terrorismo internazionale di questo terzo millennio, dunque? Quello che c’è sempre stato dietro tutta la storia, credo. Non gli illuminati, non i rettiliani, nessun complotto e nessuna congiura, ma solamente il dio denaro, l’unico in grado di aggregare gli uomini e di dividerli: da una parte miliardi di persone senza niente, che possono solo seguire la mandria; dall'altra poche migliaia di persone in tutto il mondo, che hanno in mano ricchezze infinite, che usano per comprare il potere e per fare ciò che vogliono, più o meno in accordo tra loro.

Cosa ci resta da fare, dunque? Non avere paura e non odiare, credo. Non avere paura, non odiare e aprire il cervello, per vedere le cose per quello che sono davvero e per capire cosa possiamo fare per cambiarle. Non molto, per dirla tutta, ma qualcosa possiamo e dobbiamo escogitare. Imparare ad usare bene la loro arma, ad esempio: i soldi.

E imparare ad amare le persone, a cercare un filo che ci unisca e che ci faccia tagliare i fili e ragionare con le nostre teste, che sono tante, brillanti, piene di speranze per il futuro e libere, se smettiamo di concentrarci su quel dio malvagio, il denaro, che non potrà mai soddisfare i nostri veri desideri.

Pace a tutti.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

La differenza tra il bene e il male

Il male è facile da riconoscere, nella maggior parte dei casi. E se anche non lo riconosci, prima o poi si manifesta per quello che è, soltanto raramente quando è troppo tardi per affrontarlo in qualche modo.

Più difficile è il bene, nelle sue molteplici sfumature, nella sua incapacità di essere davvero universale e infinito. No, il bene è quasi sempre una creatura mortale, delicata e imperfetta come tutti noi e per questo incapace di essere il bene di tutti, senza che ci sia l'impegno e la volontà di ciascuno per tenerlo vivo e acceso.

Assomiglia alle lucine degli alberi di Natale, il bene. Funziona se tutte le lampadine restano legate tra loro e brillano all'unisono o ad intermittenza. Ma se una si rompe, è più che probabile che tutta la catena smetta di funzionare o che anche le altre inizino ad avere problemi, una dopo l'altra.

Ecco la differenza tra il male e il bene: il primo vive di pura individualità, è universale e spavaldo, ma da solo prima o poi è destinato ad es…

Essere o Avere? Ostentare. Apparire e ostentare...

L'era dei social media dimostra sostanzialmente una cosa: l'aberrante tensione all'avere dei nostri padri e dei nostri nonni, ha lasciato in eredità un altrettanto smodato bisogno di essere, degenerato nell'apparire e nell'ostentare.

Eccolo dunque, il mostro del nostro tempo: l'ibrido avere/essere, che ha generato prima "avere per essere" e poi "ostentare per essere".

Avere è oggi sottinteso, lo diamo in un certo senso per scontato. E' ancora un prerequisito fondamentale per l'idea moderna di essere, ma non è più centrale, perché il focus è ora sull'apparire, che di certo l'avere semplifica.

Apparire, ostentare, mostrarsi. Drammatico retaggio dell'era della TV, se non appari, giorno dopo giorno e ogni giorno con un nuovo numero da esibire, semplicemente non sei. Non esisti. Eccolo, il lato oscuro dei media sociali (uno tra i tanti, in verità).

#pensierisparsi

Bello, ricco, intelligente e...

Approfitto di una conversazione fatta su Facebook per raccogliere in un post alcune mie considerazioni sull’amore e sulle relazioni. La conversazione prendeva spunto da una fantomatica ricerca della University of Buffalo, secondo cui “i maschi provano disagio e paura quando devono rapportarsi con donne intelligenti. E, alla fine, scelgono partner meno brillanti”. Personalmente ritengo che ci sia un problema di fondo, rispetto a questo studio. L'amore si fa in due quindi, se le cose non funzionano, le responsabilità vanno sempre suddivise al 50%. Quante donne belle e particolarmente intelligenti conoscete, che scelgano i loro partner seguendo i consigli dell'intelletto, piuttosto che il cuore (tanto per usare un eufemismo)? Il problema è: più abbiamo e più facciamo fatica a capire di cosa abbiamo davvero bisogno, perché, se abbiamo tanto da offrire, è quasi certo che cercheremo piuttosto quello che vogliamo. Sarebbe poi da capire cosa si intenda per intelligenza e come la si …