Passa ai contenuti principali

Sulle scelte e sulle alternative

Quando scrivo qualcosa contro il denaro (lo faccio spesso), la maggior parte di quanti mi criticano si domanda quale sia la mia alternativa, presumendo che io mi riferisca al baratto.

Onestamente non so se quella potrebbe essere un'alternativa, né penso che il baratto sia la soluzione, ma so per certo che ciò che dovremmo combattere è proprio la nostra incapacità di uscire da quella zona di comfort, che ci spinge a convincerci che non ci siano alternative e che dobbiamo accettare ogni volta lo status quo.

Per vent'anni, ad esempio, abbiamo permesso ad un uomo di governare il nostro Paese, nonostante e al di là delle sue controverse vicende personali e giudiziarie, lasciando che la sua figura ingombrante spaccasse in due l'Italia e trasformasse la nostra politica, già vacillante, in un mero scontro da stadio.

Lo abbiamo accettato, credo, almeno la maggior parte di chi lo ha votato o di chi non si è opposto con fermezza, non perché fossimo realmente convinti che egli fosse la persona giusta, ma soltanto e incredibilmente perché, in una nazione da 70 milioni di persone, non riuscivamo a vedere un'alternativa.

Allo stesso modo, le nostre esistenze scorrono quotidianamente dentro a comodi binari di monotonia e di abitudini, anche le più assurde delle quali finiscono per sembrarci normali e inevitabili.
Non ci sono alternative, finiamo per raccontarci, tanto ci basta e la necessità di accumulare soldi per vivere è radicata in noi come qualcosa di normalissimo e di giusto. Ecco cosa detesto, dei soldi. Ci hanno resi incapaci di guardare oltre un percorso segnato per noi da chi sulle nostre vite guadagna e specula.

Se guardate le cose con un minimo di distacco, però, non faticherete troppo ad accorgervene. I soldi sono il padre e la madre di quell'apatia che fa tanto comodo a chi ci governa e a chi supporta la politica in questo compito, in cambio di facili opportunità di lucro.

Nella nostra società ogni cosa ha un valore e un costo; l'unico modo per vivere è, dunque, quello di procurarsi il denaro necessario per acquistare quello che ci serve, o meglio per pagare la "filiera" che ci permette di fruirne. Punto, niente di più.

Sembra tutto assolutamente normale, ma questo sistema non funziona, perché nel corso dei millenni ha trasformato il mezzo nel fine, facendoci perdere il senso delle cose e dando vita a terribili sperequazioni.

Esiste un'alternativa?

Purtroppo la sola alternativa che ci permettono di vedere è la povertà assoluta, il barbonismo, finire in strada e mettersi ai margini, ma sono convinto che non c'è solo questo, nel destino di chi vorrà cercare davvero un'altra opportunità e smascherare l'inganno dei soldi, il loro sistema perverso e la loro incapacità di generare vero benessere, sostenibilità, giustizia e un futuro che valga la pena vivere e costruire, partendo da presupposti diversi.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pochi metri, pochi attimi, poca maledetta paura

A mente fredda e nel giorno in cui a Marsiglia un'altra automobile provoca morte e dolore tra la gente, provo a tornare con un filo di lucidità sui fatti del 17 agosto a Barcellona. Quando quel furgone si è lanciato sulla gente che passeggiava sulla Rambla, intorno alle 17 di un pomeriggio d'estate come tanti, io mi ero da poco spostato a circa un chilometro più in là, davanti a Casa Batlló, uno dei capolavori di Antoni Gaudí. Abbastanza lontano per non sentire le urla e per non vedere il sangue, ma tuttavia non al sicuro, come nei minuti e nei giorni successivi ho lentamente capito.

Seduto su una panchina con mia moglie e un'amica, siamo stati catturati dalle sirene spiegate dei Mossos D'Esquadra, la polizia catalana, da quelle delle ambulanze e dal rumore degli elicotteri che hanno iniziato a sorvolare la zona, indicandoci chiaramente che qualcosa stava andando storto, nelle vicinanze.


Abbiamo allora aperto Twitter e siamo riusciti a capire che ci doveva essere stat…

Quanto guadagni facendo quel che fai?

Guadagni da quello che fai o da quello che sei? La crisi, credo, è tutta e soltanto qui; stiamo passando da un mondo che pagava le nostre competenze e il nostro tempo, ad uno che sempre più pagherà quello che noi siamo: un tassello unico e non riproducibile di un puzzle che si evolve pezzo dopo pezzo.

Non nascondetevi dietro ai vostri titoli e alle vostre competenze, perché in futuro non ci sarà più spazio per chi è solamente quello che sa fare. Per questo ci saranno sempre più le macchine, mentre ciascuno di noi dovrà capire a fondo chi è, per poi spiegarlo a tutti gli altri e trovare il suo posto in quel gigantesco puzzle dinamico, che sarà la società del futuro.

#pensierisparsi

FOTO: pixabay.com

L’improcrastinabile esigenza di stabilire un contatto con l’umanità

Dovremmo solo entrare in contatto, stabilire una vera connessione, comprenderci intimamente, oltre la nostra quotidianità, oltre i nostri stupidi affari personali, oltre la cortina di ferro della privacy, che ci spinge a nasconderci dentro le mura di casa. Basterebbe questo, ne sono convinto e lo spero, per diventare una grande famiglia globale, in cui le nostre miserie non fossero più importanti di quelle degli altri, in cui la solidarietà fosse l'unico contratto, la sola obbligazione, l'investimento irrinunciabile cui ciascuno vorrebbe ambire. Ciò che conviene a tutti conviene anche a te, dovremmo crederci fino in fondo, anche se in mezzo c'è del tempo da aspettare, del sudore da sudare, tanta fatica da sopportare e il mostro affamato dell'ego da anestetizzare. Un mostro da sopire, o meglio da esaltare in un coro polifonico di anime non più disperse, non più prigioniere di sé stesse e della propria natura, schizofrenica e instabile, progettata per cercare, non per…