Passa ai contenuti principali

Sui poveri e sui mendicanti

Poveri, mendicanti e accattoni ce ne sono sempre stati, In tutte le civiltà, in tutte le culture. In tutta la storia. Non che non ci sia la possibilità di risolverlo, questo "problema"; il fatto è che "loro" servono alla società e al sistema di turno per quello che sono: un monito, uno spauracchio, un invito costante e severo ad allinearti, a conformarti, altrimenti "farai la loro fine".

E' gente che in qualche modo ha fatto una scelta, però. Non sono dei derelitti, la maggior parte di loro ha una sensibilità diversa, ma quasi sempre migliore, più nobile e pura di quella comune. Non sono dei pazzi, a parte qualche rara eccezione e in moltissimi casi non sono "finiti così" per qualche disgrazia o sfortuna, come "il sistema" tenta di farci ritenere, ma hanno scelto, più o meno liberamente, di non adeguarsi e di non sposare un modello che non riuscivano a tollerare.

I pazzi siamo noi, invece. Tutti noi, che pensiamo di essere nel giusto solo perché facciamo quello che fanno tutti gli altri e ogni tanto ci liberiamo la coscienza facendo un po' di "carità pelosa", offrendo ipocriti e vigliacchi oboli all'associazione o all'ente di turno, molto più che ai mendicanti per strada. Cosa che sarebbe quanto meno più diretta e che li renderebbe meno invisibili.

Invece di tentare, magari goffamente, di risolvere il problema, andando alla sua radice, preferiamo alimentare quello stesso sistema che non ha nessun interesse a trovare una vera soluzione, perché da quel problema, che in ogni modo si sforza di non definire tale, trae guadagno e ragione d'essere. Un gigantesco e grasso gatto che perennemente si morde la coda, sporca e spelacchiata...

Sia chiaro, quando parlo di "risolvere il problema" non mi riferisco a una necessità di "ripulire la società" o di redimere in qualche modo queste persone. Io le rispetto per quello che sono, ma non posso non accorgermi che la società le usa e che ci sono organizzazioni che ci lucrano e ci campano. La soluzione, per me, sarebbe quella di offrir loro delle prospettive compatibili con la loro scelta, semmai fosse possibile. Non ghettizzarli,, non costringerli a qualcosa, non integrarli a forza, ma porsi in modo radicalmente diverso nei loro confronti.

Ad essere onesto una soluzione in mente non ce l'ho, ma non posso nemmeno accettare che le cose vadano in questo modo per sempre, perché sarebbe arrendersi a un modello che rifiuto e che sin qui non ha prodotto nulla di buono. Il modello della carità istituzionalizzata e dell'ipocrisia, che crea soltanto ingiustizia e corruzione. Il modello del "divide et impera", delle classi sociali, della divisione come modalità di gestione. Non siamo noi e loro, mettiamocelo in testa. La società è composta dal 100% degli individui, altrimenti faremmo molto meglio ad emarginare i miliardari, pochissimi e molto più diversi da "noi" di quanto non lo siano poveri, mendicanti e accattoni.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Su Roma e sulle (non) Olimpiadi del 2024

Non voto M5S, non amo la politica, non sono schierato con nessuno, talvolta nemmeno con me stesso. Credo però che la questione Olimpiadi sia davvero molto semplice e che un politico come la Raggi, che non mi piace nemmeno un po' e che non avrei votato, non avesse altre scelte se non quella di dire NO.
Molti stanno rovesciando la frittata, ma il discorso è: investire, se e quando e il caso di farlo, significa spendere soldi per creare opere utili ad una città e ad un paese e, lo abbiamo visto troppe volte, la maggior parte di ciò che viene costruito per Olimpiadi, Mondiali ed eventi una tantum resta poi inutilizzato, ammesso che lo sia stato almeno durante l'evento stesso, rappresentando non solo un grande spreco si denaro ma anche un ulteriore ecomostro da sopportare.
Si può fare di meglio? Si può mettere in piedi un evento che vada in una direzione differente? Onestamente non credo, se non cambiamo prima il modello e le premesse, perché queste kermesse viaggiano sui loro binari…

Quanto guadagni facendo quel che fai?

Guadagni da quello che fai o da quello che sei? La crisi, credo, è tutta e soltanto qui; stiamo passando da un mondo che pagava le nostre competenze e il nostro tempo, ad uno che sempre più pagherà quello che noi siamo: un tassello unico e non riproducibile di un puzzle che si evolve pezzo dopo pezzo.

Non nascondetevi dietro ai vostri titoli e alle vostre competenze, perché in futuro non ci sarà più spazio per chi è solamente quello che sa fare. Per questo ci saranno sempre più le macchine, mentre ciascuno di noi dovrà capire a fondo chi è, per poi spiegarlo a tutti gli altri e trovare il suo posto in quel gigantesco puzzle dinamico, che sarà la società del futuro.

#pensierisparsi

FOTO: pixabay.com

Quello che so delle donne

Quello che so è che senza le donne nulla avrebbe senso.

Non ne avrebbe un giorno senza sentire la loro voce, senza perdersi nel loro sorriso, senza impegnarsi a scoprire cosa c'è dietro i loro silenzi, dietro i loro piccoli tic, dentro la loro anima piena di luce, di nuvole gonfie di pioggia, di mare ricco di pesci e di vita.

Senza il loro profumo, la loro forza e senza il mistero che avvolge ogni loro pensiero. Sono adesivi e magnetici, i pensieri delle donne... I nostri fluttuano solitari, tra le quattro pareti dell'acquario della coscienza.

I pensieri delle donne, invece, popolano in grandi branchi il mare infinito della loro mente e della loro anima, impossibili da approcciare singolarmente, perché hanno vita soltanto nella loro complessità e vivono in simbiosi, scambiandosi energia e regalando al mondo la vita, giorno dopo giorno.

Sono anime di luce, le donne. Senza di loro tutto sarebbe buio, freddo e immobile. Senza di loro nulla avrebbe senso e non ci sarebbe vita. ‪

#‎…