Passa ai contenuti principali

Sui poveri e sui mendicanti

Poveri, mendicanti e accattoni ce ne sono sempre stati, In tutte le civiltà, in tutte le culture. In tutta la storia. Non che non ci sia la possibilità di risolverlo, questo "problema"; il fatto è che "loro" servono alla società e al sistema di turno per quello che sono: un monito, uno spauracchio, un invito costante e severo ad allinearti, a conformarti, altrimenti "farai la loro fine".

E' gente che in qualche modo ha fatto una scelta, però. Non sono dei derelitti, la maggior parte di loro ha una sensibilità diversa, ma quasi sempre migliore, più nobile e pura di quella comune. Non sono dei pazzi, a parte qualche rara eccezione e in moltissimi casi non sono "finiti così" per qualche disgrazia o sfortuna, come "il sistema" tenta di farci ritenere, ma hanno scelto, più o meno liberamente, di non adeguarsi e di non sposare un modello che non riuscivano a tollerare.

I pazzi siamo noi, invece. Tutti noi, che pensiamo di essere nel giusto solo perché facciamo quello che fanno tutti gli altri e ogni tanto ci liberiamo la coscienza facendo un po' di "carità pelosa", offrendo ipocriti e vigliacchi oboli all'associazione o all'ente di turno, molto più che ai mendicanti per strada. Cosa che sarebbe quanto meno più diretta e che li renderebbe meno invisibili.

Invece di tentare, magari goffamente, di risolvere il problema, andando alla sua radice, preferiamo alimentare quello stesso sistema che non ha nessun interesse a trovare una vera soluzione, perché da quel problema, che in ogni modo si sforza di non definire tale, trae guadagno e ragione d'essere. Un gigantesco e grasso gatto che perennemente si morde la coda, sporca e spelacchiata...

Sia chiaro, quando parlo di "risolvere il problema" non mi riferisco a una necessità di "ripulire la società" o di redimere in qualche modo queste persone. Io le rispetto per quello che sono, ma non posso non accorgermi che la società le usa e che ci sono organizzazioni che ci lucrano e ci campano. La soluzione, per me, sarebbe quella di offrir loro delle prospettive compatibili con la loro scelta, semmai fosse possibile. Non ghettizzarli,, non costringerli a qualcosa, non integrarli a forza, ma porsi in modo radicalmente diverso nei loro confronti.

Ad essere onesto una soluzione in mente non ce l'ho, ma non posso nemmeno accettare che le cose vadano in questo modo per sempre, perché sarebbe arrendersi a un modello che rifiuto e che sin qui non ha prodotto nulla di buono. Il modello della carità istituzionalizzata e dell'ipocrisia, che crea soltanto ingiustizia e corruzione. Il modello del "divide et impera", delle classi sociali, della divisione come modalità di gestione. Non siamo noi e loro, mettiamocelo in testa. La società è composta dal 100% degli individui, altrimenti faremmo molto meglio ad emarginare i miliardari, pochissimi e molto più diversi da "noi" di quanto non lo siano poveri, mendicanti e accattoni.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pochi metri, pochi attimi, poca maledetta paura

A mente fredda e nel giorno in cui a Marsiglia un'altra automobile provoca morte e dolore tra la gente, provo a tornare con un filo di lucidità sui fatti del 17 agosto a Barcellona. Quando quel furgone si è lanciato sulla gente che passeggiava sulla Rambla, intorno alle 17 di un pomeriggio d'estate come tanti, io mi ero da poco spostato a circa un chilometro più in là, davanti a Casa Batlló, uno dei capolavori di Antoni Gaudí. Abbastanza lontano per non sentire le urla e per non vedere il sangue, ma tuttavia non al sicuro, come nei minuti e nei giorni successivi ho lentamente capito.

Seduto su una panchina con mia moglie e un'amica, siamo stati catturati dalle sirene spiegate dei Mossos D'Esquadra, la polizia catalana, da quelle delle ambulanze e dal rumore degli elicotteri che hanno iniziato a sorvolare la zona, indicandoci chiaramente che qualcosa stava andando storto, nelle vicinanze.


Abbiamo allora aperto Twitter e siamo riusciti a capire che ci doveva essere stat…

Quanto guadagni facendo quel che fai?

Guadagni da quello che fai o da quello che sei? La crisi, credo, è tutta e soltanto qui; stiamo passando da un mondo che pagava le nostre competenze e il nostro tempo, ad uno che sempre più pagherà quello che noi siamo: un tassello unico e non riproducibile di un puzzle che si evolve pezzo dopo pezzo.

Non nascondetevi dietro ai vostri titoli e alle vostre competenze, perché in futuro non ci sarà più spazio per chi è solamente quello che sa fare. Per questo ci saranno sempre più le macchine, mentre ciascuno di noi dovrà capire a fondo chi è, per poi spiegarlo a tutti gli altri e trovare il suo posto in quel gigantesco puzzle dinamico, che sarà la società del futuro.

#pensierisparsi

FOTO: pixabay.com

L’improcrastinabile esigenza di stabilire un contatto con l’umanità

Dovremmo solo entrare in contatto, stabilire una vera connessione, comprenderci intimamente, oltre la nostra quotidianità, oltre i nostri stupidi affari personali, oltre la cortina di ferro della privacy, che ci spinge a nasconderci dentro le mura di casa. Basterebbe questo, ne sono convinto e lo spero, per diventare una grande famiglia globale, in cui le nostre miserie non fossero più importanti di quelle degli altri, in cui la solidarietà fosse l'unico contratto, la sola obbligazione, l'investimento irrinunciabile cui ciascuno vorrebbe ambire. Ciò che conviene a tutti conviene anche a te, dovremmo crederci fino in fondo, anche se in mezzo c'è del tempo da aspettare, del sudore da sudare, tanta fatica da sopportare e il mostro affamato dell'ego da anestetizzare. Un mostro da sopire, o meglio da esaltare in un coro polifonico di anime non più disperse, non più prigioniere di sé stesse e della propria natura, schizofrenica e instabile, progettata per cercare, non per…